Convegno Internazionale di Studi – Pescara, 29-30-31 maggio 2014

Abstract Dal Negro

Contatto linguistico e organizzazione del discorso
Silvia Dal Negro

Oggetto di questo intervento è l’analisi di particolari forme verbali di origine romanza nel parlato (e marginalmente nello scritto) germanofono in diversi contesti caratterizzati da bilinguismo comunitario e contatto linguistico stratificato. Come si mostrerà, il novero dei lemmi verbali, così come delle forme dei paradigmi, che hanno probabilità di passare, seppure occasionalmente, da una lingua ad un’altra è piuttosto limitato. Viceversa, l’integrazione di verbi nei paradigmi flessivi autoctoni sembra procedere con modi e tempi molto diversi, riconducibili più generalmente all’ambito dell’innovazione e diffusione lessicale. L’accoglimento di forme verbali flesse, talvolta inglobate in combinazioni di più parole, appare infatti fortemente sensibile al contesto discorsivo nei quali occorrono con maggiore frequenza e alle funzioni pragmatiche che si trovano a svolgere. Particolarmente coinvolti in questo senso sono i verbi che rimandano agli atti del dire, del pensare, del comprendere, del percepire, nelle persone, nei tempi e nei modi che si ricollegano direttamente alla situazione comunicativa (prima e seconda persona, tempo presente, modo indicativo o imperativo). Il contributo muove da recenti riflessioni sul mutamento linguistico dovuto a contatto e sul rapporto fra innovazione individuale e variazione sincronica da un lato e sedimentazione nel sistema e diffusione nella comunità linguistica dall’altro, con lo scopo di osservare l’emergenza di innovazioni linguistiche. Tuttavia, mentre il punto di vista della linguistica storica è generalmente quello di un’analisi sui prodotti del contatto, per la quale si ricostruiscono post hoc fasi e motivazioni interne ed esterne, il punto di vista sincronico al contatto linguistico, necessariamente processuale, fatica a discernere fra fenomeni molto diversi nella sostanza ma di fatto molto simili superficialmente (in particolare code-mixing, prestito, prestito occasionale). L’ambito delle strategie di organizzazione del discorso, al confine fra lessico, grammatica e pragmatica, rappresenta invece un punto di vista privilegiato dal quale osservare l’intersecarsi di aspetti discorsivi, per definizione transitori, e aspetti di sistema, tendenzialmente stabili e frutto di cristallizzazione. In questo senso la situazione di contatto linguistico funziona quasi da reagente, mettendo in evidenza strategie pragmatico-discorsive della lingua modello nel momento in cui vengono replicate nelle lingue a contatto e tendono alla cristallizzazione e alla sistematizzazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: